WhatsApp Image 2019 04 05 at 09.04.47

Oggi abbiamo intervistato Donato che svolge il Servizio Civile presso il nostro oratorio.

Da quanto tempo frequenti il nostro oratorio?
Dal 15 ottobre scorso, quando ho iniziato l'attività di volontario.

Cosa ti piace di più di questo posto?
L'ambiente di coesione, di amicizia e di condivisione che caratterizza l'oratorio e che è a beneficio di tutti.

Cosa fai e come ti trovi a svolgere il tuo incarico?
I miei incarichi sono diversi: ho iniziato con il doposcuola per aiutare i bambini con i compiti, successivamente mi sono dedicato all'assistenza in cortile che coinsiste nell'osservare i bambini mentre giocano per far sì che rispettino le regole e si divertino all'insegna dell'amicizia.

Hai qualche progetto al di fuori dell'oratorio?
Sì, certamente, sto pensando a tanti progetti che non riguardano l'oratorio; ora però sono fortemente legato a questo ambiente.

 

                                                                 Ismaele Lopomo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

'


WhatsApp Image 2019 04 05 at 09.03.40

Il 31 marzo scorso la nostra associazione (CGS) ha fatto una gita sul Vulture al Centro per la Biodiversità dei Carabinieri Forestali. 

Siamo partiti da Piazza Don Bosco verso le 8:30. Come prima tappa abbiamo visitato la scuderia, all'interno della quale si trovavano una trentina di cavalli che partecipano a sport agonistici e manifestazioni importanti a cui prende parte il corpo forestale. Gli istruttori ci hanno spiegato la loro "giornata tipo", dalla pulizia al montaggio della sella per poter cavalcare. Successivamente ci hanno guidato e seguito passo passo per farci provare a montare a cavallo. 

Dopo un piccolo spuntino, ci siamo organizzati per visitare la Bramea, che è una farfalla notturna e il simbolo del nostro gruppo di comunicazione creativa. Poi siamo entrati nella riserva naturale all' interno della quale non si potevano fare foto e si doveva stare in silenzio per poter svolgere al meglio le attività riguardante l'importanza dei cinque sensi che ci sono state spiegate dagli istruttori. Per me questo gioco è servito per capire l'utilità di tutti i sensi che noi spesso diamo per scontati perchè utilizziamo solo ed esclusivamente la vista.

Verso l'ora di pranzo ci siamo diretti verso il Lago Minore di Monticchio, dove abbiamo condiviso il nostro pranzo e ci siamo scambiati due chiacchiere; successivamente abbiamo avuto un momento di svago per poter ammirare il bellissimo paesaggio e poi abbiamo ripreso il viaggio verso Potenza.

Questa esperienza è stata fantastica perchè ho fatto nuove conoscenze, è stato anche un momento per stare insieme e per imparare nuove cose.

Giulia Lovallo

52727971 1020087268192289 7090825709584646144 o

Zanke vive in Italia da qualche anno, e da alcuni mesi lavora per il Servizio Civile Nazionale nel nostro Oratorio. E' una fortuna averlo tra noi, per questo abbiamo deciso di conoscere meglio la sua storia.

Da dove vieni? Perché sei venuto in Italia e come ci sei arrivato?
Io vengo dal Mali e sono arrivato in Italia via mare con il barcone 3 anni fa, sono venuto per fuggire dalla guerra iniziata 7 anni fa. Quando sono arrivato voi mi avete aiutato ma ancora penso alla mia famiglia: mia madre, mio fratello e mia sorella che ho lasciato a casa, che mi mancano ed io non posso tornare li, perché li si trova ancora la guerra.

E' stato importante l'oratorio per te? E come ti hanno accolto?
Mi piace stare qui, aiutare gli altri e soprattutto aiutare l'oratorio, e penso che questo sarà il mio futuro.

Cosa fai e cosa ti piace di più di quello che fai in oratorio?
Io lavoro per il servizio civile e mi piace aiutare e giocare con i ragazzi.

Qual è il tuo desiderio? Tornare a casa, restare in oratorio o andare da qualche altra parte?
Il mio primo pensiero è per i documenti e per il lavoro, vorrei restare a Potenza: sono seguito da una cooperativa ma se non dovessi trovare lavoro a Potenza sarei costretto a cercare lavoro in un' altra parte in Italia. 

 

 

Salerno.jpg

 

Domenica 24 Marzo, il nostro oratorio ha partecipato alla festa pre-adolescenti che si è tenuta a Salerno, dove c'erano diverse comunità come la nostra.

Arrivati a Salerno dopo l'accogilenza, abbiamo partecipato alla Santa Messa. Dopo la celebrazione noi ragazzi abbiamo partecipato a diverse attività, come il gioco del mimo e la costruzione di una barca di cartone.

Dopo queste attività abbiamo pranzato, poi dopo il nostro meritato relax ci sono stati i tornei di: Calcio, Basket, Pallavolo e Ballo.

Alla fine si è svolta la preghiera dove ognuno di noi rifletteva sulla propria missione, dopo ci siamo salutati e siamo partiti per Potenza.

 

Simone Del Gaudio

 

In questi i bambini del secondo anno dell'iniziazione cristiana stanno ricevendo il sacramento della confessione. 

La confessione è un sacramento istituito da Gesù per perdonare i peccati commessi dopo il battesimo

La prima confessione si fa generalmente in terza elementare dopo il secondo anno di catechismo: la liturgia si è svolta inizialmente con il sacerdote (in questo caso Don Donato) che ha messo sull'altare 4 vasi che hanno 4 significati diversi.

-Il primo vaso con le spine rappresentano le ferite che hai causato a qualche tuo amico o parente;
-il secondo vaso con le pietre rappresenta i comportamenti sbagliati con Gesù;
-il terzo vaso rappresenta la testardaggine; 
-infine il quarto vaso con la terra buona dentro rappresenta l' esempio di un ragazzo purificato dai peccati. 

In uno di questi vasi si mettono dei semini (distribuiti dai catechisti) che rappresentano al meglio la persona. Successivamente i bambini possono andare a confessarsi. Finita la confessione, la liturgia si conclude con la distribuzione di un semplice ricordino e con il canto finale.

Siccome la confessione è un'occasione per fare festa, poiché ritorniamo in grazia di Dio, ne approfittiamo anche per condividere un momento di allegria con il nostro gruppo di catechismo e con un buonissimo buffet!

 

Mario Salinardi