In questi i bambini del secondo anno dell'iniziazione cristiana stanno ricevendo il sacramento della confessione. 

La confessione è un sacramento istituito da Gesù per perdonare i peccati commessi dopo il battesimo

La prima confessione si fa generalmente in terza elementare dopo il secondo anno di catechismo: la liturgia si è svolta inizialmente con il sacerdote (in questo caso Don Donato) che ha messo sull'altare 4 vasi che hanno 4 significati diversi.

-Il primo vaso con le spine rappresentano le ferite che hai causato a qualche tuo amico o parente;
-il secondo vaso con le pietre rappresenta i comportamenti sbagliati con Gesù;
-il terzo vaso rappresenta la testardaggine; 
-infine il quarto vaso con la terra buona dentro rappresenta l' esempio di un ragazzo purificato dai peccati. 

In uno di questi vasi si mettono dei semini (distribuiti dai catechisti) che rappresentano al meglio la persona. Successivamente i bambini possono andare a confessarsi. Finita la confessione, la liturgia si conclude con la distribuzione di un semplice ricordino e con il canto finale.

Siccome la confessione è un'occasione per fare festa, poiché ritorniamo in grazia di Dio, ne approfittiamo anche per condividere un momento di allegria con il nostro gruppo di catechismo e con un buonissimo buffet!

 

Mario Salinardi

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   

 

 

96e96ddf-cc76-4548-8453-f32550f7528f.jpg

 

Venerdì 15 marzo, alle 21:24, sono stati compiuti atti vandalici con fine di intimidazione e di sfregio nel nostro oratorio. Ciò che è successo ci lascia senza parole.

I vetri dell' ingresso della direzione sono stati presi a martellate , i monitor  del computer e della direzione sono stati butati a terra e l'impianto di videosorveglianza sradicato e rubato.

Dopo aver denunciato l' accaduto i giovani dell' oratorio hanno sottolineato il loro "sentirsi famiglia " lanciando sul web l'hashtag #ioamoloratorio seguito da un video e una foto di gruppo scattati  nella mattinata di domenica dove come una grande famiglia sono rinchiusi in un abbraccio sotto la statua di don bosco.

Secondo me tutto ciò che è accaduto non riuscirà a fermare una famiglia forte come quella del nostro oratorio, noi continueremo ad inseguire sempre il bene senza lasciarci spaventare da chi fa del male.

Invitiamo tutti voi a condividere il nostro messaggio per aiutarci a sentirci non sconfitti, ma più vivi che mai!

ANDREEA MALOS

53113405 915663762159314 6780670173926916096 o

Come può il carnevale aiutare Potenza a riconquistare la propria identità culturale?
"Il carnevale è Potenza, perchè alla fine in Sarachella ci rivediamo, in lui vediamo l'animo fanciullo di tutti quanti noi. Quindi dovremmo provare a stare di più insieme facendo festa e rispettandoci."

Perchè per questa sfilata è stato scelto proprio il tema della conoscenza?
"Questo è l'anno Gerardiano, è l'anno in cui Don Gerardo della Porta ci ricorda che quando è stato qui nel 1100 ha aperto la scuola episcopale, ha dato l' istruzione ai più giovani. Quindi oggi il tema della conoscenza, serve anche a poter vivere; bisogna essere consapevoli, perchè così si riesce a vivere meglio."

Abbiamo notato che molte iniziative, soprattutto da parte delle nuove generazioni, perdono il loro valore culturale e si trasformano in semplici occasioni di divertimento che talvolta offrono un’immagine non positiva della città. Come si sta muovendo l’amministrazione per mantenere vivo il fuoco della tradizione?
"Noi abbiamo fatto un lavoro sul tema della memoria che è partito dai personaggi che ci hanno donato la poesia e il teatro, dai personaggi più illustri come Giovanni Paladino presso l' università "Federico II". Abbiamo provato a recuperare, grazie anche al sistema delle associazioni, tutte quelle tematiche della conoscenza del nostro passato. In questa cosa noi dobbiamo sempre puntare perchè diventa un bagaglio spendibile con i nostri monumenti e con la nostra città per come è, a partire dal centro storico ed a finire al lungo Basento, un luogo dove ormai tantissima gente va per praticare sport; tutto questo per dire che daremo il meglio a chiunque verrà da noi proprio attraverso la conoscenza e attraverso il nostro modo di essere." 

Livia Petrunti Sisto

WhatsApp Image 2019 03 13 at 19.47.53

Lo scorso fine sttimana (8-10 marzo) c'è stata la visita ispettoriale di Don Angelo Santorsola

Venerdì 8 ha incontrato la C.E.P., sabato 9 ha invece visitato le contrade della nostra parrocchia, mentre in serata incontrato gli animatori del centro giovanile, infine ha concluso la visita ispettoriale con la Santa Messa domenicale, sulla quale vorrei soffermarmi particolarmente.

Della messa ricordo in modo particolare la bellissima omelia, che ha coinvolto anche alcuni bambini dell'iniziazione cristiana, ai quali è stato chiesto cosa fosse per loro la Quaresima. Le parole di don Angelo hanno colpito ed emozionato tutti.

Siccome era la Prima Domenica di Quarsima, Don Angelo ha raccomandato a tutti di rispettare questo periodo, di fare i famosi fioretti e i digiuni, ma soprattutto di confessarci, in modo tale da "affrontare" in assoluta serenità questo momento di attesa alla Pasqua. La Quaresima - ha detto don Angelo - è per un cristiano come per un atleta un periodo di allenamento fondamentale in vista di una gara importante.

Secondo me, don Angelo con la sua Omelia calma e rassicurante ha "centrato" il cuore di tutti e con la sua calorosità ci ha dato un "input" per questo momento di preparazione alla festa della Pasqua. Lo ringraziamo per la visita, e per il servizio che svolge per i giovani e per i salesiani dell'ispettoria.


Antonio Lavanga

53469130 915662648826092 4343570889678258176 o

Qual è il ruolo di Sarachella nella sfilata di Carnevale?
Il ruolo di Sarachella è tutto perchè è la nostra maschera che è stata ripristinata e quindi è la protagonista in assoluto.

Perchè avete scelto di travestirvi da Sarachella? Potreste brevememente descriverci questo personaggio?
Io faccio parte del gruppo deli portatori della Iaccara quindi noi manteniamo le tradizioni e abbiamo deciso di partecipare e di vestire le vesti tipiche di Sarachella. E' chiaro che io sono una donna ma ho preferito vestirmi da uomo anzichè che fare la compagna di Sarachella, perchè in tempi passati si usava proprio questo tipo di mascheramento: le donne si travestivano da uomini e viceversa. La maschera di Sarachella è una maschera molto semplice perchè era una persona molto semplice anche un po' tonta, che viveva ai margini della società, che viveva nel nostro centro storico ed era vestito semplicemente, aveva come scaramanzia il peperoncino e portava una saraca perchè spesso le alici venivano essiccate e quindi la gente gliele regalava, dormiva per strada e quindi la gente gli dava attenzione.

Perchè partecipate a questa sfilata?
Io ci tengo molto alle tradizioni, oltre ad essere una docente sono anche una ricercatrice etnocoreutica, ho mantenuto intatto il nostro patrimonio tradizionale della Basilicata.   

 

Giulia Lovallo