In questi i bambini del secondo anno dell'iniziazione cristiana stanno ricevendo il sacramento della confessione. 

La confessione è un sacramento istituito da Gesù per perdonare i peccati commessi dopo il battesimo

La prima confessione si fa generalmente in terza elementare dopo il secondo anno di catechismo: la liturgia si è svolta inizialmente con il sacerdote (in questo caso Don Donato) che ha messo sull'altare 4 vasi che hanno 4 significati diversi.

-Il primo vaso con le spine rappresentano le ferite che hai causato a qualche tuo amico o parente;
-il secondo vaso con le pietre rappresenta i comportamenti sbagliati con Gesù;
-il terzo vaso rappresenta la testardaggine; 
-infine il quarto vaso con la terra buona dentro rappresenta l' esempio di un ragazzo purificato dai peccati. 

In uno di questi vasi si mettono dei semini (distribuiti dai catechisti) che rappresentano al meglio la persona. Successivamente i bambini possono andare a confessarsi. Finita la confessione, la liturgia si conclude con la distribuzione di un semplice ricordino e con il canto finale.

Siccome la confessione è un'occasione per fare festa, poiché ritorniamo in grazia di Dio, ne approfittiamo anche per condividere un momento di allegria con il nostro gruppo di catechismo e con un buonissimo buffet!

 

Mario Salinardi

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   

Risultati immagini per equinozio di primavera

 Il 20 Marzo alle 22:58 ora italiana, il Sole si è trovato allo Zenit: è passato quindi, nel suo moto apparente lungo l’eclittica, cioè il percorso apparente che compie il sole in un giorno. Questo segna l’inizio della primavera boreale e dell’autunno australe, che per noi dell’emisfero settentrionale significa più ore di luce che di buio!

E certo, perché il nostro calendario è solo un'approssimazione dei moti astronomici: l’equinozio di primavera cadrà nei prossimi anni sempre il 20 marzo e, dal 2044, cadrà saltuariamente anche il 19. Questo sia a causa della precessione degli equinozi sia per come gestiamo gli anni bisestili, e sarà così fino al prossimo riallineamento: il 2100 infatti non sarà bisestile! Giovanni 
Pensate, dalla nascita della civiltà e della scrittura non è passato nemmeno metà anno platonico! :P Un anno platonico fa la Terra era nella morsa dell'ultimo periodo glaciale. Fossimo esseri che vivono 1000 anni invece che 100 sono sicuro che ne saremmo molto più consapevoli: per quanto questi cicli siano lenti, esistono e siamo in grado di accorgercene e misurarli.

"Equinozio" sta per aequi-noctis, cioè il giorno in cui il giorno e la notte hanno pari durata. In realtà oggi non è esattamente così, perché i moti del Sole sono riferiti al centro del suo disco. Quindi, anche quando il centro del disco è tramontato, rimane sopra l'orizzonte ancora una bella fetta solare per qualche minuto. A cui si aggiungono gli effetti di rifrazione introdotti dall'atmosfera terrestre, che rendono il Sole all'orizzonte un miraggio di un Sole che è in realtà sotto l'orizzonte da/ancora per circa 5 minuti. Se si contano questi effetti, la vera giornata di egual durata è stata il 17 marzo.

 

Antonio Lavanga

Giovanni Larocca 

 

 

BULLISMO.jpg

 

Per bullismo intendiamo tutte le forme di presa in giro o azioni volte a provocare nell'altro sentimenti di tristezza e delusione. Questo  può avvenire in un gruppo di persone formato sia da adulti che bambini.

Essi si soffermano sull'aspetto che per loro può apparire sgradevole, quindi per la maggior parte esteriore, ma non sanno che conta di più la personalità.

A volte si avvalgono di parole "leggere" quindi bastate su delle prime impressioni, altre,invece,utilizzano parole "pesanti" volte ad offedere o addirittura con lo scopo di dispregiare le persone, anche attraverso la violenza.

In questa situazione ci sono passata e posso consigliare di non darci peso. I bulli lo fanno perchè vogliono indebolire l'altro ma una soluzione, è quella di essere indiferrenti all' 80% e sicuramente smetteranno con questi spiacevoli episodi. Confrontarsi con qualcuno soprattutto con le persone che per noi sono care, diventando così più forti e riuscendoli a scacciare subito.

Se proprio si subisce qualcosa di grave come, ad esempio, violenza bisogna farsi coraggio e dirlo ai genitorie insegnanti così il gruppetto o la persona che vi prende o ti prende in giro, smetterà subito. 

Se siete bulli vi consiglio di smetterla, perchè se un giorno accadesse a voi come vi sentireste?

Perciò, io dico STOP AL BULLISMIO.  

MARIACHIARA SABIA

Immagine correlata

Gli eroi di questo mese hanno tutti un nome diverso, ma possiamo racchiuderli insieme con un'unica parola: PAPA'!

A tal proposito riceviamo e pubblichiamo con piacere una poesia scritta, qualche anno fa, dalla nonna di una delle ragazzine che frequentano la catechesi nel nostro oratorio.

 

Uomo
che stai sul letto di morte!
I miei occhi
velati di pianto,
la mia mente
va indietro nel tempo

e ti vedo

Uomo
in un Tempo lontano,
accarezzi una bimba
con ruvida mano.
Ricordi di Tenerezza!
Padre della mia fanciullezza.

Uomo
che sei talvolta severo
mentre correggi
i miei sbagli più seri.
Costante è la tua presenza
Maestro della mia adolescenza!

Uomo
che accompagni una donna all'altare
sei tutto compìto
ma ti sento tremare
mentre procedi con maestosità
ti fai testimone della mia felicità.

Uomo
che ti muovi su gambe tremanti,
i tuoi gesti son sempre
più stanchi e più lenti.
SEI TROPPO IMPORTANTE,
TI VOGLIO FERMARE!
Lo sento nel cuore:
Tu stai per andare.

Uomo
che stai sul letto di morte,
il legame con te adesso
è ancora più forte.
Però mi resta nel cuore
un grande rimpianto:
non averti mai detto
che ti amo tanto.

Signore,
pietà per quest'uomo grande,
Ti prego portalo in Cielo
fra le anime Sante
e a me lascia
che viva l'incanto
di avere mio Padre
come Angelo accanto!

(Incoronata Luongo)

 

 

96e96ddf-cc76-4548-8453-f32550f7528f.jpg

 

Venerdì 15 marzo, alle 21:24, sono stati compiuti atti vandalici con fine di intimidazione e di sfregio nel nostro oratorio. Ciò che è successo ci lascia senza parole.

I vetri dell' ingresso della direzione sono stati presi a martellate , i monitor  del computer e della direzione sono stati butati a terra e l'impianto di videosorveglianza sradicato e rubato.

Dopo aver denunciato l' accaduto i giovani dell' oratorio hanno sottolineato il loro "sentirsi famiglia " lanciando sul web l'hashtag #ioamoloratorio seguito da un video e una foto di gruppo scattati  nella mattinata di domenica dove come una grande famiglia sono rinchiusi in un abbraccio sotto la statua di don bosco.

Secondo me tutto ciò che è accaduto non riuscirà a fermare una famiglia forte come quella del nostro oratorio, noi continueremo ad inseguire sempre il bene senza lasciarci spaventare da chi fa del male.

Invitiamo tutti voi a condividere il nostro messaggio per aiutarci a sentirci non sconfitti, ma più vivi che mai!

ANDREEA MALOS