Huawei-P30-Pro-lineup.jpg

 

In un anno Huawei ha ridotto le cornici grazie al nuovo lettore d'impronte e integrato su P30 un display più grande, senza aumentarne ingombri . Ha anche ristretto il notch fino all'osso, sulla falsa riga del fratello maggiore, e poi aggiornato il sistema fotocamere con tre moduli che poco si distanziano da quanto già visto su Mate 20. L'intera piattaforma hardware è stata rinnovata, migliorata, potendo poi contare su una batteria più capiente da 3.650 mAh che non teme di certo la diretta concorrenza.
I due nuovi arrivati non stravolgono quindi l'esperienza d'uso e aggiustano più che altro il tiro, confermando le strade intraprese nel 2018: fotocamere come fulcro del terminale, grande autonomia, lettori biometrici sotto allo schermo e tecnologia OLED. Presupposti che mettono l'accento sul prodotto prima ancora di averlo tra le mani, certezze che spiegano in parte il successo di Huawei nel settore.

CELLULARI

Niente cellulare fino hai 10 anni di età. I pediatri della SIPPS, cioè società italiana di pediatria preventiva e sociale, riuniti in un convegno a Caserta hanno parlato chiaro. Dobbiamo creare linee guida per limitare il più possibile l'uso dei telefoni ai bambini, evitandone totalmente l'uso prima dei 10 anni ha detto Maria Grazia Sapia, pediatra esperta di questioni ambientali. L'età media dei possessori dei cellulari ha affermato ancora Sapia diminuisce sempre di più. Si tratta di piccole ricetrasmittenti che vengono normalmente tenute vicino alla testa. Gli effetti nocivi per la salute sono sempre più evidenti, alcuni legati gli effetti termici si crea un aumento della temperatura che fa morire le cellule. Inoltre un posto predominante lo ha conquistato la dipendenza da telefonino, con danni gravissimi sullo sviluppo psichico e sociale. Parole di fuoco contro un fenomeno ritenuto da molti normale. Spesso il telefono arriva a 7 anni nel 18% dei casi. I rischi insomma di quello che può sembrare un regalo innocente e tranquillizzante per i genitori coinvolgono la salute psichica e quella fisica dei loro figli. E sono rischi crescenti, man mano che il bambino diventa ragazzino e poi adolescente. Anche Giuseppe Di Mauro, presidente della SIPPS, ha usato toni duri a Caserta i bambini dovrebbero trascorrere gran parte del proprio tempo all'aria aperta.Non conosciamo tutte le conseguenze legate all'uso dei cellulari,ma da un utilizzo eccessivo potrebbe scaturire una perdita di concentrazione e di memoria, all 300 na minha roupa citta Di apprendimento è un aumento di aggressività e di disturbi del sonno. Ritengo che i bambini non debbano usare il telefono cellulare o che lo debbano utilizzare per pochissimo tempo sono numerosi i ragazzi che, pur stando vicini uno vicino all'altro non si parlano, ma continuano a tenere lo sguardo fisso sul telefonino. Se non mettiamo un freno a questa invasione dei cellulari tra i nostri piccoli, le nuove generazioni andranno sempre più verso l'isolamento. Io sono d'accordo su questo argomento di limitazione dell'uso dei cellulari, infatti il cellulare l'ho avuto a 9 anni, invece a 7 anni ho avuto un tablet con un timer limitato cioè che i miei genitori mi mettevano il timer limitato ovviamente con una password di mezz'ora e quando finiva quella mezz'ora o un quarto d'ora si spegneva da solo e non si accendeva fino al giorno dopo.

IRIS DI GENNARO

Risultati immagini per differenze tra samsung fold e huawei x

Al Mobile World Congress 2019 sono stati presentati  in anteprima mondiale i primi smartphone flessibili, forniti di un meccanismo fatto di tantissimi ingranaggi che si muovono facendo flettere il display senza che possa subire danni: si tratta di Huawei Mate X e Samsung Galaxy Fold.

Questi modelli non sono del tutto identici: il Samsung si piega a libro e presenta la doppia fotocamera, mentre il huawei si piega verso l' esterno e ha una sola fotocamera.

Inoltre il più grande vantaggio è quello di poter usare due applicaioni nello stesso momento. Per fare ciò i produttori hanno inventato dei software appositi.

Io, personalmente, penso che questi modelli sono carini da vedere, ma alla fine non sono molto utili perchè hanno quasi le stesse qualità di un telefono normale. Tra i due preferisco il Samsung Fold perchè è più protettivo (avendo l' apertura a libro).

Giulia Lovallo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

iphone-unlock.jpg

 

Hai dimenticato la password del tuo telefono e non sai come sbloccarlo?

Io ho la risposta al tuo problema. Per sbloccare il tuo cellulare, devi eseguire questo procedimento. Bisogna tenere una decina di secondi circa il tasto power del dispositivo (che a seconda del modello può trovarsi in cima oppure sul lato destro) e il tasto home contemporaneamente finchè  il display non diventa nero. Per esempio, se usi un telefono come il huawei, al posto del tasto home devi usare  il tasto del volume per abbassare mentre tieni il tasto power fino a quando il telefono non si non si riavvia ed appare il logo della marca del telefono sullo schermo; mentre se stai usando un iphone 8, un iphone 8 plus o un iphone x, la procedura è diversa: infatti devi pigiare e rilasciare rapidamente il tasto del volume per alzare, subito dopo quello per abbassare e tenere premuto fin quando  non si spegne il display e in questo caso apparirà il logo della mela. Succesivamente aspetta che venga effettuato il codice di sblocco del dispositivo e l'eventuale pin della sim in esso inserita, dopodichè se tutto è andato per il verso giusto dovresti essere in grado di utilizzare normalmente il tuo telefono.

Elena Mazziotta

google maps

21 gennaio 2019 - si è appena parlato dell’avviso di autovelox su Google Maps, ma a quanto pare non è l’unica novità che verrà introdotta.

Quello che il colosso ha voluto realmente fare con la sua app di navigazione, che è la più nota e utilizzata dagli automobilisti a livello internazionale, è introdurre anche i limiti di velocità in tempo reale. 

La visualizzazione dei limiti di velocità è quindi l’ultima trovata di Google, che si potrà attivare e disattivare semplicemente scorrendo verso l’alto durante la navigazione sul pannello dell’ora stimata, toccando poi sulle Impostazioni che sono nella parte inferiore dello schermo e cercare l’opzione relativa a questa funzionalità.
Google Maps ha introdotto quindi i limiti di velocità e la segnalazione di autovelox, in questo modo si è allineata praticamente a tutti i principali concorrenti che forniscono un similare servizio di navigazione satellitare. Questa nuova funzionalità è stata messa a punto e testata gli scorsi mesi insieme alla valutazione generale e pratica di fattibilità. Sembra che oggi il sito AndroidPolice abbia approvato in via definitiva il tutto per le strade americane. Si tratta di indicatori che verranno posizionati in basso a sinistra sull’interfaccia di Google Maps per Android invece a destra per quanto riguarda quella di Android Auto. Al momento solo l’America sta fruendo di questa tecnologia, qualcosa si è iniziato a vedere, come già abbiamo detto, anche in altri Paesi, ma molto probabilmente non arriverà tardi la diffusione in tutta Europa e quindi anche per gli utenti della strada della nostra penisola.

CARLO CALDAROLA